X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Per le semplificazioni IVA vecchie regole in attesa dei provvedimenti attuativi

I fornitori degli «esportatori abituali» continuano ad inviare all’Agenzia i dati relativi alle lettere di intento ricevute

/ Emanuele GRECO

Giovedì, 11 dicembre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il DLgs. 21 novembre 2014 n. 175 (c.d. “decreto semplificazioni”), in vigore dal 13 dicembre 2014, ha apportato numerose novità in materia di IVA che, tuttavia, rischiano di rimanere in “stand-by” fino all’emanazione dei previsti provvedimenti attuativi da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Per quanto concerne le lettere di intento, l’art. 20 del DLgs. 175/2014 ha modificato le modalità di comunicazione all’Agenzia delle Entrate dei dati in esse contenute e gli adempimenti a cui sono tenuti gli “esportatori abituali” e i loro fornitori, al fine di effettuare cessioni in regime di non imponibilità IVA di cui all’art. 8 comma 1 lett. c) del DPR 633/72.
La nuova procedura prevede che siano gli “esportatori abituali” a trasmettere ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU