Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 30 giugno 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Ravvedimento e voluntary disclosure procedure compatibili

La norma non disciplina la questione, ma ciò potrebbe valere alla luce dell’interpretazione fornita dall’Agenzia in occasione dello «scudo fiscale»

/ Duilio LIBURDI e Alfio CISSELLO

Lunedì, 15 dicembre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Un tema su cui alcuni professionisti si stanno interrogando riguarda la possibile compatibilità tra voluntary disclosure e ravvedimento operoso.
Ricordiamo che, in base alla voluntary (per la cui legge si attende la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale), sia “estera” che “interna”, il contribuente può sanare le violazioni commesse sino al 30 settembre 2014 presentando apposita domanda entro il 30 settembre 2015, fornendo all’Ufficio tutte le informazioni e i documenti utili per la determinazione degli imponibili occultati in merito a tutti i periodi d’imposta ancora accertabili alla data di presentazione della domanda.

Dal testo normativo sembra emergere il carattere “totale” della voluntary, che deve necessariamente riguardare “tutti” ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU