X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 28 settembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Domanda di rimborso con attenzione agli errori materiali

Tecnicamente, a processo instaurato non è ammessa la modifica di quanto richiesto

/ Claudia MARINOZZI

Martedì, 20 gennaio 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’errata indicazione, nelle istanze di rimborso presentate all’Agenzia delle Entrate, dell’importo di cui si chiede la restituzione, potrebbe condizionare l’eventuale successivo giudizio avverso il silenzio rifiuto opposto dall’Amministrazione. I giudici tributari infatti, nel decidere sulla spettanza del rimborso, dovranno far riferimento all’originaria istanza presentata dal contribuente disponendo eventualmente solo per la somma ivi indicata, nonostante questa sia frutto di un errore materiale già fatto rilevare dal contribuente nel ricorso introduttivo del giudizio. Questo è quanto emerge dalla sentenza n. 4521 del 10 settembre 2014 della C.T. Reg. di Milano.

Le singole leggi d’imposta prevedono le condizioni e i termini entro i quali il contribuente ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU