X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Per i confidi, IRAP al 3,9%

Lo ha chiarito l’Agenzia, secondo cui non si applica l’aliquota del 4,65% prevista per banche e altre società finanziarie

/ Luca FORNERO

Martedì, 20 gennaio 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la risoluzione n. 5 di ieri, 19 gennaio 2015, l’Agenzia delle Entrate ha fornito importanti chiarimenti sulla determinazione della base imponibile IRAP dei confidi e sull’aliquota d’imposta ad essi applicabile.

Si ricorda che, ai sensi dell’art. 13 comma 1 del DL 269/2003 (conv. L. 326/2003), per confidi si intendono i consorzi con attività esterna (nonché quelli di garanzia collettiva dei fidi tra liberi professionisti), le società cooperative, le società consortili per azioni, a responsabilità limitata o cooperative, che svolgono l’attività di garanzia collettiva dei fidi. È considerata tale l’utilizzazione di risorse provenienti in tutto o in parte dalle imprese consorziate o socie per la prestazione mutualistica e imprenditoriale di garanzie volte

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU