X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 25 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Licenziabile il lavoratore condannato per reati commessi in ambito extralavorativo

Lo stabilisce la Cassazione, precisando che il vincolo fiduciario può venir meno laddove l’impresa privata eserciti attività di servizio pubblico

/ Luca MAMONE

Martedì, 20 gennaio 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

Una condanna per gravi reati commessi da un dipendente al di fuori del contesto lavorativo può, nel caso di una società privata che espleta un servizio pubblico, legittimare l’irrogazione del licenziamento in quanto viene leso irrimediabilmente il vincolo fiduciario che caratterizza il rapporto tra dipendente e datore di lavoro, nonché il connesso requisito di affidabilità. Lo ha stabilito la Cassazione con la sentenza n. 776 di ieri, precisando che  ai fini della licenziabilità è necessario porre in relazione la gravità dei reati commessi con la natura dell’attività svolta dall’impresa.

Nel caso di specie, un lavoratore condannato in sede penale per estorsione ed usura veniva per tale motivo licenziato dal proprio datore di lavoro, una società privata costituita con capitale ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU