X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Strada «in salita» per l’IVA ridotta per gli e-book

La Corte di Giustizia ha dichiarato illegittima l’applicazione di aliquote ridotte per la fornitura di libri elettronici da parte di Francia e Lussemburgo

/ Emanuele GRECO

Venerdì, 6 marzo 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con le due sentenze “gemelle” di ieri, 5 marzo 2015, relative alle cause C-479/13 (Commissione vs. Francia) e C-502/13 (Commissione vs. Lussemburgo), la Corte di Giustizia dell’Unione europea ha affermato che non è ammessa l’applicazione dell’aliquota IVA “super ridotta” per la fornitura di libri elettronici, prevista da Francia (attualmente 5,5%) e Lussemburgo (3%).
La decisione comunitaria riguarda da vicino anche l’Italia considerato che, a decorrere dal 1° gennaio, la legge di stabilità 2015 ha previsto l’applicazione dell’aliquota IVA del 4% alla fornitura di e-book, equiparando alla nozione di “libri” (beni per i quali si applica l’aliquota IVA del 4% ai sensi del n. 18 della Tabella A, Parte II, allegata al ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU