X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 ottobre 2021

LETTERE

Parliamo di «Italia digitale» e consegniamo la CU su carta?

Venerdì, 6 marzo 2015

x
STAMPA

Gentile Redazione,
mi devo essere perso qualcosa.
Una deroga ai programmi di digitalizzazione deve essermi rimasta nascosta tra le pieghe di qualche decreto, altrimenti non riesco proprio a spiegarmi come possano convivere nello stesso mese l’obbligo di “digitalizzare” la fatturazione verso la P.A. e l’attuale necessità di consegnare la certificazione dei compensi ai professionisti con il modello CU 2015!

Mi sono già arrivate anche 9 pagine (comprese quelle per le firme del 5 e 8 per mille!). Moltiplichiamo per ogni tipo di soggetto e compenso che deve essere certificato?

Ma siamo tutti schizofrenici e pensiamo di avere opportunità di lavoro trasformandoci in tipografie?
Magari mi sbaglio: l’incremento delle vendite della carta potrebbe far aumentare il PIL, così si vedrà un effetto positivo...


Roberto Conchatre
Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Aosta

TORNA SU