Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 4 dicembre 2022

FISCO

La mancata esibizione delle scritture contabili non ha di per sé rilievo penale

Secondo la Cassazione, il fatto che non vengano esibite conta a livello penale solo quando deriva causalmente da distruzione od occultamento

/ Maria Francesca ARTUSI

Venerdì, 20 marzo 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il delitto di occultamento e di distruzione di scritture contabili previsto all’art. 10 del DLgs. 74/2000 è stato analizzato durante questa settimana da diverse sentenze della Suprema Corte. In particolare, si vuol fare qui riferimento alle pronunce nn. 11479 e 11480 depositate nella giornata di ieri, che forniscono alcune indicazioni sugli elementi e sulla struttura del reato previsto dal citato art. 10.

La questione centrale investe l’oggettività della condotta descritta dalla disposizione in esame che punisce, salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque, al fine di evadere le imposte sui redditi o sul valore aggiunto, ovvero di consentire l’evasione a terzi, occulta o distrugge in tutto o in parte le scritture contabili o i documenti di cui è obbligatoria la ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU