Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 18 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Affrancamento «derogatorio» anche per partecipazioni in controllate non residenti

Un apposito provvedimento definirà le modalità attuative

/ Pamela ALBERTI

Sabato, 13 gennaio 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

La legge di bilancio 2018 estende il regime di affrancamento “derogatorio” alle partecipazioni in controllate non residenti. I commi 81-83 dell’art. 1 della L. 205/2017 (legge di bilancio 2018) apportano, infatti, ulteriori modifiche al regime opzionale ex art. 15, commi 10, 11 e 12 del DL 185/2008, che consente il riconoscimento ai fini fiscali dei maggiori valori risultanti da operazioni straordinarie, attribuiti in bilancio all’avviamento, ai marchi d’impresa ed altre immobilizzazioni immateriali.

Il regime di affrancamento “derogatorio”, si ricorda, prevede il versamento di un’imposta sostitutiva del 16%, da versare in un’unica soluzione entro il termine di versamento a saldo delle imposte relative all’esercizio nel corso del quale

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU