X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 novembre 2021

FISCO

Il cessionario non può indagare sulla struttura organizzativa del broker

La giurisprudenza giunge a tale conclusione in quanto il broker può essere privo di struttura

/ Antonio NICOTRA

Lunedì, 19 febbraio 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con due interventi coevi della giurisprudenza di merito, precisamente della C.T. Reg. di Roma n. 3374/22/16 del 20 aprile 2016 e della C.T. Reg. di Bologna n. 1126/7/16 del 21 aprile 2016, è stato stabilito che, ai fini della detrazione IVA, la diligenza del cessionario, che esclude il coinvolgimento nella frode carosello, non si estende fino al punto di svolgere indagini sulla posizione del cedente/emittente fattura, laddove le operazioni imponibili siano state realmente compiute, sebbene avvalendosi di soggetti intermediari, con o senza struttura organizzativa (c.d. brokers), con transazioni fiscalmente regolari che “rientrino nel contesto di usuali consuetudini commerciali”.

In questi termini, la detrazione dell’IVA subita in via di rivalsa permane, garantendo la neutralità ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU