X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 15 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Semplificazione per triangolari intra Ue anche con doppia identificazione IVA

Per la Corte Ue il beneficio è riconosciuto anche nel caso di promotore identificato in due Stati membri

/ Luca BILANCINI e Simonetta LA GRUTTA

Venerdì, 20 aprile 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

La semplificazione prevista per la cessione triangolare intra Ue sussiste anche nel caso in cui il promotore sia identificato ai fini IVA in due Stati membri differenti: lo Stato membro di partenza del bene e quello, “intermedio”, da cui scaturisce l’operazione “a catena”. Diversamente argomentando si limiterebbe, ingiustificatamente, la libertà di esercizio delle attività economiche dei soggetti passivi sulla base delle loro identificazioni ai fini IVA.
Questo, in estrema sintesi, uno dei due principi stabiliti dalla Corte di Giustizia Ue nella sentenza relativa alla causa C-580/16 depositata nella giornata di ieri (Firma Hans Bühler KG).

Il fatto riguardava una società tedesca identificata ai fini IVA anche in Austria, che acquistava da fornitori stabiliti in Germania ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU