ACCEDI
Martedì, 25 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Per il riconoscimento del privilegio si guarda all’affidamento dell’incarico

Non comporta il difetto di legittimazione attiva del singolo professionista l’intestazione delle note all’associazione

/ Roberta VITALE

Mercoledì, 13 giugno 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Cassazione, nell’ordinanza n. 15290, depositata ieri, si è pronunciata in merito ai criteri di riconoscimento del privilegio, ai sensi dell’art. 2751-bis n. 2 c.c., in favore del credito per prestazioni professionali, svolte da parte di un avvocato facente parte di un’associazione professionale.

Nel caso di specie, si trattava delle attività professionali rese ad una società cooperativa per la quale era stata aperta la procedura di liquidazione coatta amministrativa. Accogliendo in maniera parziale l’opposizione ex artt. 99 e 109 del RD 267/42, il Tribunale aveva ammesso al passivo della procedura il relativo credito (comprensivo di CPA ed IVA, dedotta l’eventuale ritenuta d’acconto), con esclusione del privilegio ex art. 2751-bis n. 2 c.c., invece richiesto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU