X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 ottobre 2021

IL CASO DEL GIORNO

Floricoltura e vivaismo fra le attività agricole se la coltivazione è nel vivaio

/ Arianna ZENI

Martedì, 10 luglio 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

La floricoltura e il vivaismo sono considerate attività agricole, produttive quindi di reddito agrario ai sensi dell’art. 32 del TUIR, se le piante e i fiori vengono effettivamente coltivati e prodotti nel vivaio e non semplicemente commercializzati.

In particolare, la R.M. 7 febbraio 81 n. 9/2810 ha precisato che:
- per la floricoltura e le attività vivaistiche: vanno ricondotte tra le attività di coltivazione quelle di floricoltura che si estrinsecano nell’ambito dell’esercizio di veri e propri vivai e nel collocamento delle piante sui fondi degli acquirenti;
- per le attività di manutenzione periodica delle piante vendute e di manutenzione di parchi pubblici e privati come giardiniere: devono essere considerate di natura commerciale, in quanto estranee all’attività vivaistica

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU