X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 29 febbraio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Nella fattura elettronica non solo i dati obbligatori

Le specifiche tecniche consentono l’indicazione della ritenuta d’acconto applicata in fattura

/ Luca BILANCINI e Emanuele GRECO

Giovedì, 26 luglio 2018

La fattura elettronica, pur contenendo, in ragione della sua particolare natura, una serie di informazioni specifiche non presenti nel documento cartaceo (si pensi, ad esempio, al c.d. “Codice destinatario”), deve riportare tutte le indicazioni stabilite nell’art. 21 del DPR 633/72 o, nel caso di fattura semplificata, nell’art. 21-bis del medesimo decreto.
Leggendo le disposizioni citate non si rileva, fra gli elementi obbligatori, la presenza della ritenuta d’acconto, che deve essere operata, ad esempio, dal committente all’atto del pagamento dei compensi per prestazioni di lavoro autonomo o di provvigioni inerenti a rapporti di commissione, agenzia, mediazione, rappresentanza e simili.

Benché sia uso comune fornire questa indicazione in fattura, così da computare ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU