X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 22 ottobre 2018 - Aggiornato alle 6.00

Economia & Società

La clausola claims made è meritevole, ma può valutarsi la causa in concreto

Le Sezioni Unite intervengono sulla legittimità di tale modello assicurativo

/ Cecilia PASQUALE

Martedì, 25 settembre 2018

L’assicurazione contenente una clausola claims made (a richiesta fatta) costituisce deroga legittima all’art. 1917 c.c., che non richiede un vaglio di meritevolezza degli interessi perseguiti dalle parti ex art. 1322 comma 2 c.c. Il contraente potrà reagire agli eventuali squilibri contrattuali attivando i rimedi previsti dall’ordinamento per le diverse fasi del rapporto, che comprendono la responsabilità precontrattuale, la nullità della clausola per mancanza o illiceità della causa in concreto o la conformazione del rapporto.
Così hanno deciso le Sezioni Unite con la sentenza n. 22437 depositata ieri in tema di claims made, intervenendo in un acceso dibattito interpretativo.

Le claims made sono clausole, inserite nei contratti di assicurazione contro i danni, che prevedono ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU