X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 14 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Non integra motivi nuovi contraddire a questioni rilevate o rilevabili d’ufficio

L’inesistenza della notifica dell’atto può essere eccepita dopo la contestata inammissibilità del ricorso

/ Caterina MONTELEONE

Venerdì, 5 ottobre 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Cassazione, con la sentenza n. 24305 depositata ieri ha affermato che “è ammissibile la prospettazione da parte del contribuente ricorrente, con memoria depositata prima dello spirare del termine di cui all’art. 32, secondo comma, d.lgs. n. 546 del 1992, della questione relativa alla inesistenza o nullità della notifica dell’atto impositivo, in replica all’eccezione di inammissibilità del ricorso per mancata impugnazione nel termine di decadenza previsto formulata dall’Amministrazione, non determinando un’alterazione della causa petendi”.
Nel caso deciso, il contribuente a seguito dell’eccezione di inammissibilità del ricorso per tardiva notifica sollevata dall’Ufficio nel proprio atto di costituzione in giudizio, si era difeso con apposita ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU