X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 24 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Il giudicato della società non si estende al socio che non ha impugnato

Viene in sostanza ribaltato il verdetto delle Sezioni Unite del 2008

/ Alfio CISSELLO

Venerdì, 5 ottobre 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ieri, con la sentenza n. 24311, la Corte di Cassazione ha confermato un principio, già espresso in un precedente arresto, che tuttavia si scontra con ciò che, a suo tempo, avevano affermato le Sezioni Unite del 2008 in tema di litisconsorzio necessario negli accertamenti su tributi imputati per trasparenza nelle società di persone.

La ormai storica sentenza delle Sezioni Unite n. 14815 del 2008, nell’affermare la presenza del vincolo litisconsortile tra soci e società, ha sancito che tutti i litisconsorti (i soci, la società e le diverse Direzioni provinciali coinvolte) devono partecipare al processo, anche se l’atto non è stato notificato a tutti oppure se alcuni di essi lo hanno ricevuto ma non lo hanno impugnato (in tal caso, partecipano al processo come intervenienti, non potendo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU