X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Redditi esteri da attività di ricerca da dichiarare in Italia

L’esenzione prevista dalla Convenzione Italia-Stati Uniti opera solo nello Stato estero

/ Luisa CORSO e Gianluca ODETTO

Venerdì, 5 ottobre 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con risposta a interpello n. 26 di ieri l’Agenzia delle Entrate si esprime in merito al trattamento fiscale dei redditi derivanti dallo svolgimento di attività di ricerca negli Stati Uniti da parte di un soggetto fiscalmente residente in Italia.
L’Agenzia delle Entrate afferma, in via preliminare, come l’accertamento dei presupposti per stabilire l’effettiva residenza fiscale non può essere oggetto di istanza di interpello ordinario. Cionondimeno sono fornite alcune indicazioni di carattere strettamente interpretativo aventi valenza di consulenza giuridica.

Nel caso specifico, l’istante è ritenuto fiscalmente residente in Italia per il periodo d’imposta 2017 e, ai sensi dell’art. 3 del TUIR, tutti i redditi dallo stesso percepiti, ovunque siano stati ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU