X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 15 dicembre 2018 - Aggiornato alle 6.00

Fisco

Rientro dei docenti agevolato se collegato all’inizio del lavoro in Italia

L’Agenzia delle Entrate fornisce ulteriori indicazioni sul requisito della residenza fiscale

/ Pamela ALBERTI

Venerdì, 12 ottobre 2018

L’Agenzia delle Entrate, con le risposte ad interpello n. 32 e 33 di ieri, torna a fornire chiarimenti in merito ai regimi agevolativi per il rientro dei lavoratori in Italia. In particolare, la risposta n. 33 riguarda gli incentivi per il rientro in Italia di ricercatori residenti all’estero di cui all’art. 44 del DL 78/2010 (esclusione dal reddito del 90% degli emolumenti percepiti).

I docenti e i ricercatori possono beneficiare della tassazione agevolata al verificarsi delle seguenti condizioni: essere in possesso di un titolo di studio universitario o equiparato; essere stati non occasionalmente residenti all’estero; aver svolto all’estero documentata attività di ricerca o docenza per almeno due anni continuativi, presso centri di ricerca pubblici o privati ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU