X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 marzo 2019

NOTIZIE IN BREVE

Sisma Ischia, sospesi i contributi che scadono dal 29 settembre 2018 al 31 dicembre 2020

/ REDAZIONE

Giovedì, 8 novembre 2018

Con la circolare n. 105 del 6 novembre 2018, l’INPS ha fornito le prime indicazioni con riguardo alla sospensione dei termini relativi agli adempimenti e ai versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria in scadenza nel periodo 29 settembre 2018-31 dicembre 2020, nei comuni di Casamicciola Terme, Forio, Lacco Ameno dell’Isola di Ischia.

La sospensione, lo si ricorda, è stata disposta dall’art. 34 del DL 109/2018 (in vigore dal 29 settembre scorso) in seguito all’evento sismico che, il 21 agosto 2017, ha colpito l’Isola di Ischia.

L’ambito di applicazione della sospensione ricomprende i datori di lavoro privati (anche datori di lavoro domestico, aziende del settore agricolo, aziende con natura giuridica privata con dipendenti iscritti alla Gestione pubblica), i lavoratori autonomi (artigiani, commercianti, agricoli) e gli iscritti alla Gestione separata (committenti, liberi professionisti, ecc.) e si applica esclusivamente agli oneri contributivi riferiti alle attività svolte nelle zone colpite dall’evento.

Ferme restando le istruzioni operative relative agli adempimenti e agli obblighi previdenziali in relazione alle diverse gestioni interessate, la circolare in esame precisa che i soggetti interessati a richiedere a sospensione dovranno presentare istanza all’INPS mediante il modello “SC93”, con la precisazione che dovrà essere presentata un’unica domanda anche nel caso in cui la stessa interessi diverse gestioni.

TORNA SU