X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 25 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Fraudolenta anche l’intestazione fittizia di beni a un familiare

Non rileva il fatto che sia comunque possibile una misura di prevenzione patrimoniale

/ Maurizio MEOLI

Lunedì, 17 dicembre 2018

Anche l’intestazione fittizia di un’impresa a un familiare è suscettibile di integrare la fattispecie di trasferimento fraudolento di valori oggi contemplato dall’art. 512-bis c.p.
Ad affermarlo è la Cassazione, nella sentenza n. 54483/2018.

Ai sensi della citata disposizione – frutto della trasposizione nel codice penale, ex DLgs. 21/2018, della fattispecie prima collocata nell’art. 12-quinquies del DL 306/1992 – “salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque attribuisce fittiziamente ad altri la titolarità o disponibilità di denaro, beni o altre utilità al fine di eludere le disposizioni di legge in materia di misure di prevenzione patrimoniali o di contrabbando, ovvero di agevolare la commissione di uno dei delitti di cui agli articoli 648, 648-bis ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU