X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 16 gennaio 2019 - Aggiornato alle 6.00

Il Caso del Giorno

Da sanzionare entro cinque anni i costi fittizi su operazioni inesistenti

/ Dario AUGELLO

Lunedì, 7 gennaio 2019

La disciplina delle operazioni oggettivamente inesistenti, come risultante dall’art. 8, comma 2 del DL 16/2012, sotto il profilo delle imposte dirette, pone due ordini di problemi.

Il primo, se la disposizione – che prevede l’esclusione dalla base imponibile dei ricavi dichiarati e correlati ai costi fittizi, fino all’ammontare dei costi medesimi, e la sanzione del 25% commisurata ai predetti componenti – sia migliorativa rispetto al sistema previgente, con la conseguenza che dovrebbe essere riconosciuta la possibilità di applicazione retroattiva. Il secondo, se la sanzione del 25% sia collegata al tributo, con la conseguenza che, in caso negativo, non si applica il termine di decadenza dell’accertamento, ma quello di cinque anni previsto dall’art. 20 del DLgs.

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU