X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Favor rei per il socio di società di persone

Gli atti presupposto della cartella di pagamento impugnata non diventano definitivi

/ Antonio NICOTRA

Giovedì, 31 gennaio 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con sentenza n. 2580, depositata ieri, la Corte di Cassazione ha enunciato il principio di diritto secondo il quale, nel caso in cui il socio illimitatamente responsabile abbia impugnato la cartella di pagamento, in quanto unico atto notificatogli per i debiti sociali, gli atti presupposti non sono definitivi, ma restano pendenti.

In tema di sanzioni amministrative per violazione delle norme tributarie, l’applicazione del suddetto principio di diritto implica che, in presenza di una successione di leggi nel tempo che stabiliscono sanzioni di entità diversa per la medesima violazione, si applica la disposizione più favorevole per il contribuente ex art. 3 comma 3 del DLgs. 472/97 (c.d. favor rei).

Nel caso di specie, il socio di una società di fatto estinta (verosimilmente, una snc di fatto),

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU