X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 18 febbraio 2019 - Aggiornato alle 6.00

Impresa

Commercio di oggetti preziosi con regime amministrativo differenziato

Solo la SCIA per tale commercio in media e grande struttura impone la convocazione della Conferenza di servizi

/ Nunzio RAGNO e Giuseppe QUARTICELLI

Mercoledì, 6 febbraio 2019

Il Consiglio di Stato, con il parere n. 2180/2018 – chiarendo alcune perplessità sulle fattispecie procedimentali che riguardano la vendita di oggetti preziosi e la Conferenza di Servizi nei diversi casi di vendita (esercizi di vicinato, media o grande struttura, attività commerciale già avviata) – ha asserito che la presentazione della SCIA condizionata non comporta necessariamente l’istituzione della Conferenza di servizi tra le diverse Amministrazioni interessate.

La riforma della P.A., compiuta con i DLgs. 126/2016 e 222/2016, attuativi della L. n. 124/2015, ha introdotto rilevanti novità in tema di segnalazione certificata di inizio attività, sia in termini di modalità di trasmissione sia di modulistica e regimi di gestione. I vari sistemi di SCIA si articolano in tre tipologie, varianti

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU