X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 12 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Gli elementi passivi inesistenti in dichiarazione limitano il rischio penale

/ Ivo CARACCIOLI

Giovedì, 7 febbraio 2019

Con il DLgs. 158 del 2015 il reato di “dichiarazione infedele” di cui all’art. 4 del DLgs. 74/2000 è stato modificato nel senso che non si parla più di elementi passivi “fittizi”, ma di elementi passivi “inesistenti” (comma 1), e questo allo scopo di eliminare la rilevanza penale di dati per i quali si possa ritenere che, pur oggettivamente esistenti, non siano deducibili ad esempio per ragioni di competenza, inerenza o altri motivi non di fatto ma di mera interpretazione giuridica.

Tale importante intervento interpretativo, mirante a eliminare dal rischio penale tutte le questioni tributarie e civilistiche a contenuto meramente discutibile, viene ripetuto anche nel nuovo comma 1-bis dello stesso articolo, pure introdotto nel 2015, dove si dice che “non

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU