X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 21 maggio 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Doppia imposizione per il reddito estero nel regime forfetario

Imposta pagata all’estero non detraibile da quella italiana perché il reddito è soggetto a sostitutiva e non concorre a formare il reddito complessivo

/ Paola RIVETTI

Sabato, 16 marzo 2019

Con la risoluzione n. 36, pubblicata ieri, l’Agenzia delle Entrate precisa che l’imposta versata all’estero per un reddito assoggettato in Italia al regime forfetario ex L. 190/2014 non può essere recuperata attraverso il credito per le imposte pagate all’estero previsto dall’art. 165 del TUIR in quanto il reddito è assoggettato a imposizione sostitutiva e non concorre alla formazione del reddito complessivo ai fini IRPEF.

Il caso specifico esaminato riguarda le prestazioni rese da un avvocato italiano in regime forfetario a una società sammarinese, la quale, al momento del pagamento dei compensi, ha applicato una ritenuta del 20% in base all’art. 14, § 1, della Convenzione contro le doppie imposizioni in essere tra Italia e San Marino (L. 19 luglio 2013 n. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU