X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 22 luglio 2019 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

La riduzione dell’IRES non assolve dalla precedente dichiarazione infedele

Resta fermo il superamento della soglia di punibilità al tempo vigente

/ Maurizio MEOLI

Sabato, 16 marzo 2019

La riduzione dell’aliquota IRES non è una modifica normativa di carattere più favorevole per il contribuente destinata a trovare applicazione retroattiva ai fini del calcolo dell’imposta evasa e del conseguente superamento della soglia di punibilità.
Ad affermarlo è la Cassazione nella sentenza n. 11520, depositata ieri.

Nel caso di specie, l’amministratore di una srl era stato condannato, sia in primo grado che in appello, perché, nella dichiarazione dei redditi relativa al 2008, indicando elementi attivi inferiori a quelli effettivi, nonché elementi passivi fittizi, aveva determinato l’evasione di un’IRES pari a circa 167.000 euro, di ammontare superiore alla soglia di punibilità in allora vigente per la fattispecie di dichiarazione infedele. Si ricorda, infatti, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU