X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 23 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Artificioso il ritrasferimento dei dividendi ai vertici extra Ue del gruppo

Costituisce indizio di abuso della direttiva «madre-figlia» il ritrasferimento immediato a soggetti che non potrebbero godere dell’esenzione

/ Giorgio INFRANCA e Pietro SEMERARO

Sabato, 30 marzo 2019

Fra i più rilevanti principi di diritto espressi nella sentenza della Corte di Giustizia Ue dello scorso 26 febbraio, relativa alle cause riunite C-116/16 e C-117/16, in materia di distribuzione di dividendi e abuso della direttiva “madre-figlia” (si veda “La Corte Ue mette uno stop agli abusi dei benefici delle direttive” del 27 febbraio 2019), vi è senz’altro quello riportato al punto 101 della sentenza, dove viene affermato che costituisce indizio dell’esistenza di un abuso della direttiva il fatto che la società madre ritrasferisca i dividendi entro un breve lasso di tempo a soggetti privi dei requisiti per godere dell’esenzione.

In altri termini, la Corte di Giustizia ha affermato che dietro una società madre Ue che si comporta da soggetto “passante” ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU