X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 11 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Nuovi codici tributo per la sostitutiva sui compensi delle lezioni private

/ REDAZIONE

Sabato, 13 aprile 2019

I docenti titolari di cattedre nelle scuole di ogni ordine e grado che percepiscono compensi per lezioni private e ripetizioni dovranno versare l’imposta sostitutiva con il modello F24 usando i tre nuovi codici tributo istituiti con la risoluzione dell’Agenzia delle Entrate n. 43 pubblicata ieri. 

Si ricorda che l’art. 1 comma 13 della L. n. 145/2018 prevede per tali figure che dal 1° gennaio 2019, ai compensi derivanti dall’attività di lezioni private e ripetizioni si applichi un’imposta sostitutiva dell’imposta sul reddito delle persone fisiche e delle addizionali regionali e comunali con l’aliquota del 15%, salva opzione per l’applicazione dell’imposta sul reddito nei modi ordinari, che può essere esercitata in dichiarazione dei redditi. La sostitutiva, invece, è versata con modalità e termini previsti per il versamento dell’acconto e del saldo dell’IRPEF.

I tre codici tributo istituiti ieri sono, nel dettaglio:
- “1854” denominato “Imposta sostitutiva IRPEF e addizionali regionali e comunali sui compensi per lezioni private e ripetizioni - ACCONTO PRIMA RATA - art. 1, c. 13, legge n. 145/2018”;
- “1855” denominato “Imposta sostitutiva IRPEF e addizionali regionali e comunali sui compensi per lezioni private e ripetizioni – ACCONTO SECONDA RATA O UNICA SOLUZIONE - art. 1, c. 13, legge n. 145/2018”;
- “1856” denominato “Imposta sostitutiva IRPEF e addizionali regionali e comunali sui compensi per lezioni private e ripetizioni - SALDO – art. 1, c. 13, legge n. 145/2018”.

Nel modello F24, i codici tributo sono esposti nella sezione “Erario”, in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a debito versati” con l’indicazione, quale “anno di riferimento”, dell’anno d’imposta cui si riferisce il versamento, nel formato “AAAA”. Il codice tributo “1856” è utilizzabile anche in corrispondenza degli “importi a credito compensati”.

Per i codici tributo “1854” e “1856”, in caso di versamento in forma rateale, il campo “rateazione/Regione/Prov./mese rif.” è valorizzato nel formato “NNRR”, dove “NN” rappresenta il numero della rata in pagamento e “RR” indica il numero complessivo delle rate. In caso di pagamento in un’unica soluzione, tale campo è valorizzato con “0101”.

TORNA SU