X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 26 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Implementato l’applicativo INPS per simulare il calcolo dell’onere di riscatto di laurea

/ REDAZIONE

Sabato, 20 aprile 2019

Con il messaggio n. 1609 pubblicato ieri, l’INPS ha reso noto che l’applicativo per la presentazione telematica della domanda di riscatto dei periodi di corsi di studio universitario è stato implementato con la funzionalità in grado di simulare il calcolo dell’onere dovuto a titolo di riscatto.

Gli interessati possono fruire della funzione in argomento accedendo al sito www.inps.it, al percorso “Prestazioni e Servizi” - “Tutti i servizi” - “Riscatto Laurea” - Simulazione calcolo”.
In tal modo sarà possibile simulare l’onere di riscatto, per i periodi che si collocano nel sistema contributivo – nell’ambito sia della Gestione pubblica sia di quella privata – sulla base dei dati immessi e con riferimento all’anno corrente.

Quanto ai dati necessari ai fini del predetto calcolo, l’INPS chiarisce che l’utente dovrà:
- effettuare la scelta della gestione previdenziale nella quale si intende simulare il calcolo;
- inserire nel simulatore l’anno di iscrizione all’Università, il numero di rate in cui frazionare il pagamento e il periodo o i periodi da riscattare “dal... al”, afferenti lo stesso anno solare.

In riferimento alle gestioni previdenziali per cui è possibile effettuare la simulazione del calcolo dell’onere di riscatto laurea nel solo sistema contributivo, oltre ai dati menzionati, la procedura richiede all’utente di inserire la retribuzione degli ultimi 12 mesi.

TORNA SU