X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 24 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Sanzioni per dichiarazione di ricavi inesistenti non collegate al tributo

/ REDAZIONE

Sabato, 20 aprile 2019

I componenti positivi direttamente afferenti a spese o altri componenti negativi relativi a beni e servizi non effettivamente scambiati o prestati entro i limiti dell’ammontare non ammesso in deduzione, non sono imponibili.

L’art. 8 comma 2 del DL 16/2012 prevede, per questa specifica situazione, una sanzione dal 25% al 50% “dell’ammontare delle spese o altri componenti negativi relativi a beni o servizi non effettivamente scambiati o prestati indicati nella dichiarazione dei redditi”.

Può accadere che, a fronte di vari recuperi a tassazione, l’ufficio rinvenga anche gli estremi per applicare la menzionata sanzione.

L’Agenzia delle Entrate, nella risposta a interpello n. 113 di ieri, ha specificato che detta sanzione è da considerarsi non collegata al tributo.

Pertanto, se il contribuente definisce la lite sugli accertamenti, la sanzione, essendo secondo detta interpretazione non collegata al tributo, non viene meno.
Sarà dunque necessario definire anche la menzionata lite, al 40% o al 15% a seconda delle ipotesi.

TORNA SU