X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 25 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Entro il 29 luglio l’invio tardivo della dichiarazione IVA

Regolarizzazione con sanzioni amministrative ridotte

/ Mirco GAZZERA

Lunedì, 10 giugno 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il 30 aprile è decorso il termine, a disposizione dei soggetti passivi obbligati, per la presentazione della dichiarazione annuale IVA relativa al periodo d’imposta 2018. Qualora l’adempimento non sia stato assolto o la dichiarazione trasmessa risulti inesatta, è ancora possibile regolarizzare la situazione beneficiando della riduzione delle sanzioni amministrative prevista dal ravvedimento operoso (art. 13 del DLgs. 472/97).

Tenuto conto che le dichiarazioni presentate entro 90 giorni dalla scadenza del termine sono considerate valide salva l’applicazione delle sanzioni amministrative per il ritardo (artt. 8 comma 6 e 2 comma 7 del DPR 322/98), entro il 29 luglio 2019 si può validamente inviare il modello IVA 2019 per il 2018. Secondo quanto precisato dalla prassi amministrativa ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU