X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 12 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Acquisti INTRA delle agenzie di viaggio con limiti alla detrazione IVA

/ Corinna COSENTINO e Emanuele GRECO

Sabato, 11 luglio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le agenzie di viaggio che operano in regime IVA speciale ex art. 74-ter del DPR 633/72 possono trovarsi a includere nei pacchetti turistici creati per i clienti anche prestazioni di servizi soggette a reverse charge ex art. 17 comma 2 del DPR 633/72, in quanto ricevute da soggetti passivi non stabiliti nel territorio dello Stato e per le quali l’imposta dovrebbe essere assolta in Italia dall’agenzia stessa.

In alcuni casi i servizi acquistati da tour operator presso soggetti non stabiliti (Ue o extra-Ue) a diretto vantaggio dei viaggiatori (inclusi quindi nel pacchetto turistico) sono soggetti ad IVA in Italia con il meccanismo dell’inversione contabile. Si pensi all’agenzia di viaggio che acquista presso una società spagnola servizi di alloggio in case vacanze in

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU