X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 21 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Responsabile il curatore per i danni arrecati al fallito

L’azione prescinde dall’approvazione del rendiconto e il fallito deve provare la condotta, il danno e il nesso di causalità

/ Antonio NICOTRA

Venerdì, 21 giugno 2019

La responsabilità del curatore fallimentare per il danno arrecato al fallito ha natura extracontrattuale e soggiace alla disciplina generale della responsabilità aquiliana ai sensi dell’art. 2043 c.c.
In questi termini si è pronunciata la Corte di Cassazione con la sentenza n. 16589, depositata ieri.

Nel caso di specie, una società, conclusa la procedura fallimentare alla quale era stata sottoposta, agiva in giudizio contro il curatore per il risarcimento dei danni dallo stesso arrecati, sia nella predetta qualità di curatore sia nella qualità di commissario giudiziale, nel corso delle procedure concorsuali alle quali era stata assoggettata.

Veniva, in particolare, richiesto il ristoro per i pregiudizi subiti, consistenti – tra gli altri – nella mancata emissione di note di variazione IVA ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU