X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 6 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Rivalutazione delle partecipazioni non quotate entro il 1° luglio

Entro questa data, è obbligatorio asseverare la perizia di stima e procedere con il versamento integrale, o della prima rata, dell’imposta sostitutiva

/ Salvatore SANNA

Venerdì, 28 giugno 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

In un calendario fitto di scadenze e adempimenti, si segnala l’ormai consueta rideterminazione del costo o del valore d’acquisto delle partecipazioni non quotate ex art. 5 della L. 448/2001, agevolazione che può ancora consentire un risparmio d’imposta per le persone fisiche che non svolgono attività d’impresa.

Con la proroga ad opera della L. 145/2018, il regime si applica solamente per le partecipazioni possedute al 1° gennaio 2019 che non sono detenute in regime d’impresa ed è efficace se, entro il 1° luglio 2019 (il 30 giugno cade di domenica):
- viene redatta e asseverata una perizia di stima riferita all’intero patrimonio netto della società partecipata (la risposta a interpello dell’Agenzia delle Entrate 28 dicembre 2018 n. 153 ha chiarito definitivamente ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU