X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 24 febbraio 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / PROCEDURE CONCORSUALI

Affitto d’azienda in crisi con deroga al mantenimento dei diritti del lavoratore

L’art. 2112 c.c. può essere disapplicato se c’è un accordo con il curatore o il debitore di un concordato preventivo liquidatorio omologato

/ Michele BANA

Giovedì, 4 luglio 2019

L’art. 2112 c.c. stabilisce, con riguardo ai rapporti di lavoro pendenti alla data dell’affitto dell’azienda o di un ramo della stessa, che nei contratti stipulati dal concedente subentra l’affittuario: quest’ultimo è tenuto a rispettare i trattamenti economici e normativi stabiliti dai contratti collettivi, anche aziendali, vigenti alla data del trasferimento, e sino alla loro scadenza, salvo che siano sostituiti da altri contratti collettivi, applicabili – nel medesimo settore  all’affittuario.

È, inoltre, disposto che il concedente e l’affittuario siano obbligati in solido, senza possibilità di deroga in base ad un accordo delle parti, per tutti i crediti (retributivi, previdenziali, assicurativi, ecc.) vantati dal lavoratore ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU