X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 8 dicembre 2019

IMPRESA

Pene accessorie non fisse determinate dai giudici

Depositate dalle Sezioni Unite le importanti motivazioni della sentenza sulle pene accessorie della bancarotta fraudolenta

/ Maurizio MEOLI

Giovedì, 4 luglio 2019

Le Sezioni Unite della Cassazione, nella sentenza n. 28910, depositata ieri, superando il proprio precedente orientamento, espresso nella sentenza n. 6240/2015, stabiliscono che le pene accessorie per le quali la legge indica una durata non fissa devono essere determinate in concreto dal giudice in base ai criteri di cui all’art. 133 c.p. Di conseguenza, le pene accessorie previste per il reato di bancarotta fraudolenta dall’art. 216 ultimo comma del RD 267/1942, come riformulato dalla sentenza n. 222/2018 della Corte Costituzionale, mediante l’introduzione della previsione della durata massima “fino a dieci anni”, così come le altre pene accessorie per le quali la legge indica una durata non fissa, devono essere determinate in concreto dal giudice di merito facendo

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU