X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 26 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Non opera il raddoppio dei termini con accertamento sotto la soglia di punibilità

/ Alice BOANO

Mercoledì, 10 luglio 2019

Talvolta la giurisprudenza ha riscontrato un utilizzo pretestuoso da parte degli uffici dello strumento del raddoppio dei termini di accertamento.

In base alla disciplina precedentemente contenuta negli artt. 43 del DPR 600/73 e 57 del DPR 633/72, se nel corso della verifica si riscontravano seri indizi circa la commissione di un reato ex DLgs. 74/2000, i termini per la notifica degli avvisi di accertamento, in relazione all’anno in cui l’illecito è stato commesso, venivano raddoppiati, solo nel caso in cui la denuncia penale fosse stata trasmessa entro il periodo ordinario di decadenza dall’accertamento.

Tale disciplina è stata abrogata dalla L. 208/2015, a decorrere dall’anno 2016, con riferimento alle dichiarazioni da presentare nel 2017.
La normativa è stata oggetto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU