X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 26 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Termine annuale anche per l’insinuazione del credito sopravvenuto

La tesi contraria rischia di essere lesiva del principio di uguaglianza e del diritto di difesa

/ Antonio NICOTRA

Giovedì, 11 luglio 2019

Con sentenza n. 18544, depositata ieri, la Cassazione stabilisce che l’insinuazione al passivo dei crediti sorti successivamente alla dichiarazione del fallimento non è soggetta al termine di decadenza di cui all’art. 101 commi 1 e 4 del RD 267/42, per essi, invece, il termine annuale di presentazione delle domande decorre, dopo il deposito del decreto di esecutività dello stato passivo, dal momento in cui il credito abbia maturato le condizioni di partecipazione al passivo.
Nel caso di specie, a fronte della decisione del curatore fallimentare di sciogliere un contratto preliminare di trasferimento immobiliare ex art. 72 del RD 267/42, una società presentava la domanda di insinuazione al passivo del fallimento per il credito “da restituzione” vantato a titolo di caparra

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU