X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 16 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La cessione della nuda proprietà dell’azienda non fa perdere l’esenzione

L’esenzione dall’imposta su successioni e donazioni viene meno se nei cinque anni il donatario smette di esercitare l’impresa

/ Anita MAURO

Sabato, 13 luglio 2019

L’esenzione dall’imposta di donazione prevista, per la donazione d’azienda, dall’art. 3 comma 4-ter del DLgs. 346/90, non può trovare applicazione ove oggetto di donazione sia la mera nuda proprietà dell’azienda.
Lo chiarisce l’Agenzia delle Entrate nella risposta a interpello n. 231, pubblicata ieri. 

Si ricorda che la donazione d’azienda:
- effettuata a favore di soggetti diversi dal coniuge o dal discendente del donante, sconta l’imposta sulle donazioni con le aliquote e le franchigie ordinarie (6% o 8%);
- effettuata a favore del coniuge o del discendente del donante, va esente da imposta sulle donazioni se sussistono le condizioni individuate dall’art. 3 comma 4-ter del DLgs. 346/90 (e in caso contrario, sconta l’imposta ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU