X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

L’erede non può dedurre i contributi previdenziali del de cuius

L’Agenzia delle Entrate esclude la deducibilità perché il versamento non è preordinato al conseguimento di una prestazione previdenziale degli eredi

/ Alice BOANO

Venerdì, 19 luglio 2019

I contributi previdenziali versati dagli eredi per conto del de cuius non fiscalmente a carico e che non danno diritto a una prestazione previdenziale non possono essere dedotti dal loro reddito complessivo.
Così precisa la risposta ad interpello n. 267 dell’Agenzia delle Entrate pubblicata ieri.

Nel quesito prospettato, erano intervenuti avvisi di accertamento di maggior reddito nei confronti di una società operante nel settore delle prestazioni di servizi di natura contabile e fiscale e di assistenza in materia societaria e tributaria, che, nei confronti del socio amministratore poi defunto, avevano effetto anche ai fini contributivi determinando una maggiore contribuzione dovuta. Per tale motivo gli eredi erano stati chiamati a corrispondere anche i contributi dovuti dal de cuius ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU