X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 21 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

ECONOMIA & SOCIETÀ

Tassi in calo su deludenti prospettive per l’economia europea

Il rallentamento della crescita indurrà la Bce a prendere contromisure, se non nella riunione di giovedì prossimo, in quella del 12 settembre

/ Stefano PIGNATELLI

Sabato, 20 luglio 2019

È ripresa la discesa dei tassi che si era interrotta la scorsa settimana; i deludenti dati congiunturali e una serie di indici di fiducia inferiori al consenso, segnalano un rallentamento della crescita europea che indurrà la Bce a prendere adeguate contromisure se non alla riunione di giovedì prossimo a quella del 12 settembre.

L’indice che ha influito maggiormente è lo Zew (fiducia degli investitori tedeschi nell’economia per i prossimi 3-6 mesi) sceso ancora a luglio, dopo il crollo di giugno, appesantito dall’inasprirsi dello scontro tra Usa e Iran che si aggiunge alla disputa sul commercio fra Stati Uniti e Cina.

Del tutto trascurabile la reazione sul mercato alla revisione in lieve rialzo dell’inflazione di giugno operata da Eurostat, che ha corretto l’indice

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU