X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 15 novembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / PROCEDURE CONCORSUALI

Negli appalti pubblici prededucibilità del credito del subappaltatore incerta

Con due ordinanze interlocutorie si richiede l’intervento delle Sezioni Unite

/ Antonio NICOTRA

Giovedì, 15 agosto 2019

La Cassazione, con l’ordinanza 23 luglio 2019 n. 19877 e in precedenza con l’ordinanza 12 luglio 2019 n. 18837, ha ritenuto necessario sottoporre al Primo presidente, ai fini dell’eventuale rimessione alle Sezioni Unite, l’interrogativo secondo cui, ove residui un credito dell’appaltatore verso l’amministrazione appaltante e l’amministrazione abbia in base al contratto opposto la condizione di esigibilità di cui all’art. 118 del DLgs. 163/2006, il curatore, che voglia incrementare l’attivo, debba subire (o meno) la prededuzione del subappaltatore, in ragione della concreta funzionalità rispetto agli interessi della massa.

Nel caso in cui sopravvenga il fallimento dell’appaltatore e sia vigente un contratto di subappalto, si pone la ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU