X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 15 novembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Il nuovo Codice della crisi non lascia del tutto inalterati i reati fallimentari

Con l’entrata in vigore, tra un anno esatto, del DLgs. n. 14/2019, si potranno porre anche tematiche di diritto intertemporale

/ Maria Francesca ARTUSI

Giovedì, 15 agosto 2019

Tra esattamente un anno – il 15 agosto 2020 – entrerà in vigore il nuovo Codice della crisi di impresa e dell’insolvenza introdotto con il DLgs. 14/2019. Sebbene la legge delega 155/2017 abbia escluso espressamente le disposizioni penali dal campo d’intervento del decreto attuativo, il nuovo Codice riprende le disposizioni penali presenti nel RD 267/1942, modificandole e integrandole sotto alcuni aspetti.

Con l’entrata in vigore del DLgs. 14/2019 si registreranno, così, alcune modifiche formali inerenti ai reati fallimentari, nonché alcune altre interazioni – dirette o indirette – con il diritto penale che riguardano: la previsione di misure premiali che incidono anche sulla possibile rilevanza penale delle condotte (artt. 24 e 25); la disciplina della misura cautelare del

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU