X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Necessario rispettare la decadenza per i soci di snc

Una recente sentenza di Cassazione continua però a sposare la tesi opposta, con un’interpretazione discutibile dell’art. 25 del DPR 602/73

/ Alfio CISSELLO

Sabato, 17 agosto 2019

Un costante, e molto censurabile, orientamento della Cassazione ritiene che nei confronti degli obbligati solidali e ai fini della cartella di pagamento non sia necessario rispettare i termini di decadenza dell’art. 25 del DPR 602/73 (per tutte, Cass. 25 maggio 2017 n. 13248).
In breve, notificata, entro i termini decadenziali, la cartella all’obbligato principale (esempio, alla società di persone), si aprono le porte della prescrizione per i condebitori solidali (i soci).
Questo orientamento non vale solo per le cartelle di pagamento, ma anche per avvisi di liquidazione e accertamento.

Vi sono però anche sentenze in senso opposto (Cass. 13 dicembre 2017 n. 29845), che semplicemente si limitano a prendere atto, in primo luogo, che la norma che sta alla base del richiamato orientamento ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU