X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 5 aprile 2020

LAVORO & PREVIDENZA

Tutela contro i trasferimenti illegittimi anche per la variazione della clientela

La Cassazione la estende alla variazione del portafoglio clienti senza modifica dell’area geografica di riferimento

/ Sergio PASSERINI

Venerdì, 2 agosto 2019

L’art. 2103 c.c. stabilisce al comma 8 che il lavoratore non può essere trasferito da un’unità produttiva a un’altra se non per comprovate ragioni tecniche, organizzative e produttive.

Su cosa debba intendersi per “unità produttiva”, a questi fini, in passato alcuni interpreti hanno tentato di sostenere che potesse considerarsi tale, in assenza di altri riferimenti normativi espliciti, solo quella definita dall’art. 35 della L. n. 300/1970, e cioè una qualsiasi “sede, stabilimento, filiale, ufficio o reparto autonomo che occupi più di quindici dipendenti”. In assenza di variazione di unità produttiva così intesa non vi sarebbe stato, secondo questa interpretazione, un trasferimento tutelato dalla legge e dunque la necessità di dimostrare la sussistenza

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU