X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 24 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Per l’omesso versamento IVA si guarda solo alla dichiarazione annuale

L’entità della somma da versare non è quella effettiva desumibile dalle annotazioni contabili e non conta se l’importo sia stato incassato

/ Maria Francesca ARTUSI

Venerdì, 2 agosto 2019

Ai fini dell’integrazione del reato di omesso versamento dell’IVA di cui all’art. 10-ter del DLgs. 74/2000, l’entità della somma da versare, costituente il debito IVA, è quella risultante dalla dichiarazione del contribuente e non quella effettiva, desumibile dalle annotazioni contabili.
Non rileva neanche, per ragioni di tipicità, se l’importo relativo all’IVA sia stato effettivamente incassato.
Tale principio – già ribadito di recente dalla Cassazione n. 14595/2018 – è stato ripreso dalla Suprema Corte nella sentenza n. 35193 depositata ieri.

Si trattava qui di una condanna a un anno di reclusione e alle pene accessorie previste dall’art. 12 del DLgs. 74/2000 (l’interdizione dagli uffici direttivi delle persone giuridiche e delle imprese per un ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU