X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 28 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / OPERAZIONI STRAORDINARIE

Disavanzo da fusione compensabile anche con le riserve di rivalutazione

Per l’Agenzia l’utilizzo del saldo attivo di rivalutazione in compensazione comporta il venir meno del beneficio della sospensione d’imposta

/ Enrico ZANETTI

Martedì, 6 agosto 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Quando un’operazione di fusione determina un disavanzo da annullamento che trova il proprio presupposto nell’esistenza di plusvalori latenti nel patrimonio netto della società incorporata, esso può essere iscritto nell’attivo post fusione della società incorporante, a incremento del valore contabile degli elementi dell’attivo della società incorporata cui i plusvalori si riferiscono e, per l’eventuale eccedenza, a titolo di avviamento (art. 2504-bis c.c.).

Quando però il disavanzo da annullamento non ha questa origine, bensì trova il proprio presupposto nel fatto che la società incorporata ha accumulato perdite pregresse che ne hanno diminuito il patrimonio netto senza che a ciò corrispondesse una parallela svalutazione della partecipazione nel bilancio della controllante ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU