X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Mattarella: «Nuove consultazioni da martedì»

/ REDAZIONE

Venerdì, 23 agosto 2019

Al termine del primo ciclo di consultazioni, avvenuto ieri, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha tenuto davanti alla stampa un breve discorso annunciando che martedì inizierà nuove consultazioni per trarre le conclusioni e per assumere le decisioni necessarie per superare la crisi di Governo.

“La crisi va risolta all’insegna di decisioni chiare; e in tempi brevi” ha dichiarato.

Il Presidente della Repubblica ha avvertito che in mancanza di un Governo che ottenga la fiducia del Parlamento la strada da percorrere è quella delle nuove elezioni. “Si tratta di una decisione da non assumere alla leggera, dopo poco più di un anno di vita della legislatura, mentre la Costituzione prevede che gli elettori vengano chiamati al voto per eleggere il Parlamento ogni cinque anni. Il ricorso agli elettori è, tuttavia, necessario qualora il Parlamento non sia in condizione di esprimere una maggioranza di Governo”.

Poche le parole per riassumere le consultazioni appena avvenute: “Mi è stato comunicato da parte di alcuni partiti politici che sono state avviate iniziative per un’intesa, in Parlamento, per un nuovo Governo; e mi è stata avanzata la richiesta di avere il tempo di sviluppare questo confronto. Anche da parte di altre forze politiche è stata espressa la possibilità di ulteriori verifiche”.

Se Mattarella ricorda di avere il dovere ineludibile di non precludere l’espressione di volontà maggioritaria del Parlamento, ha però allo stesso tempo quello di richiedere, nell’interesse del Paese, “decisioni sollecite”. Da qui il nuovo giro di consultazioni dal 27 agosto.

TORNA SU