X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Cedolare secca anche per l’immobile commerciale con canone variabile

Le parti possono determinare un canone di locazione solo in parte fisso senza che tale pattuizione sia di ostacolo all’opzione per il regime

/ Stefano SPINA

Sabato, 24 agosto 2019

La generalizzata crisi economica sta stimolando nuovi accordi commerciali che, nel campo delle locazioni commerciali, si possono concretizzare in una determinazione del canone in tutto o in parte basato su parametri economici del conduttore. Solitamente, a tal fine, vengono presi a riferimento i ricavi del punto vendita in quanto, in questo modo, si trasferiscono sul locatore eventuali rischi connaturati all’attività esercitata nell’immobile oggetto di locazione.

Tali pattuizioni sono solitamente viste come opportunità commerciali da parte del locatore in quanto, se i ricavi salgono crescerà anche il canone corrisposto; viceversa, se i ricavi scendono, diminuirà anche l’affitto permettendo probabilmente al conduttore di “sopravvivere” e prepararsi per una futura

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU